Le acciughine presentano: una Camilla a merenda!

Fanno bene alla vista, fanno bene alla pelle, fanno abbronzare più in fretta, riducono il colesterolo, sono buone sia cotte che crude, ma ritengo che la cosa più importante da dire su questo ortaggio sia la seguente: hanno una funzione fondamentale nell’economia mondiale del “riutilizzo creativo”: sono i nasi degli omini di neve e scusate se è poco!
Servono inoltre per preparare questi deliziosi dolcetti: muffin alle carote, mandorle e arance, popolarmente conosciuti come Camille (che poi chissà il perché  della scelta di questo nome…)
Per creare una copia identica al prodotto industriale, notevolmente più buona e genuina, sarebbe d’obbligo versare l’impasto negli appositi stampi a cupolina, vi assicuro però che dare loro la forma dei muffin non ne fa di certo diminuire la bontà.
Dopo un po’ di vani tentativi ho trovato la ricetta perfetta sul blog La cuoca dentro, che ringrazio per la condivisione di questo tesoro! Rispetto alla sua ricetta ho usato olio di arachidi anziché di semi e ho adoperato una bustina di buccia grattugiata d’arancia disidratata (questa) poiché non avevo arance naturali.

Camille

Ingredienti:

250 g di CAROTE
3 UOVA piccole
100 g di FARINA di MANDORLE
100 g di succo d’ARANCIA
80 g di OLIO di ARACHIDI
200 g di ZUCCHERO a VELO vanigliato
200 g di FARINA 00
1 bustina di LIEVITO per dolci
buccia grattugiata di 1 ARANCIA
1 pizzico di SALE
Dopo aver grattugiato le carote lavate e sbucciate, frullatele con l’olio d’arachidi e il succo d’arancia: dovrete ottenere una bella crema arancione.
A parte, in una ciotola, unite le uova intere con lo zucchero a velo e, con le fruste elettriche, montatele fino ad ottenere una composto spumoso e chiaro. Aggiungete a quest’ultimo, mescolando bene, la farina di mandorle, la buccia d’arancia grattugiata e un pizzico di sale.
Incorporate la crema di carote e, continuando a mescolare, aggiungete la farina 00 già setacciata con il lievito. Versate il composto in stampi da muffin (o se li avete in quelli a cupolina) e poneteli nel forno già caldo a 180° per circa 20 minuti. (La prova stecchino è d’obbligo: infilandolo in un muffin dovrà risultare asciutto).
(Conserva i tuoi muffin in un sacchetto di polietilene, per intenderci come quelli che si utilizzano per congelare alimenti o sotto una campana di vetro se ce l’hai. Occorre che questi dolcetti si mantengano umidi!)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...